ANSIA

L’ansia importante risorsa di protezione

L’ansia è una condizione fisiologica che comporta uno stato di attivazione conseguente ad una situazione percepita soggettivamente come pericolosa il cui scopo è di mettere l’organismo nella condizione ideale per affrontare il pericolo.

In tal senso essa è un processo di adattamento di fronte alla minaccia di un pericolo realistico; è un segnale che l’organismo emette per attivarsi, per mettersi in guardia rispetto ad un potenziale pericolo.

Nella storia evolutiva umana, l’ansia scaturiva di fronte ai più diversi pericoli reali quali, ad esempio, trovarsi di fronte un animale pericoloso (serpente velenoso), un nemico, ecc.

L’attivazione del sistema ansioso preparava fisiologicamente l’organismo in una situazione di reale pericolo, predisponendolo ad avere a disposizione la massima energia muscolare possibile per scappare o attaccare (Fight or Flight) nel modo più efficace possibile. In questo modo scongiurava il pericolo e si garantiva la sopravvivenza.

Nel mondo moderno, le situazioni pericolose (fattori scatenanti) sono molto diverse eppure, di fronte a situazioni pericolose (oggettivamente pericolose o solo percepite come tali) o che mettono paura, l’ansia interviene per mantenere uno stato di allerta e, attivando l’organismo, ne migliora le prestazioni.

Tra i diversi fenomeni neurovegetativi che si attivano per predisporre al meglio l’organismo troviamo: la tachicardia (aumento del battito cardiaco), le vertigini, l’aumento della sudorazione, l’aumento della frequenza del respiro.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *