FOBIA SPECIFICA

Fobia specifica

La caratteristica essenziale della Fobia specifica è la paura marcata e persistente di oggetti o situazioni chiaramente individuabili. L’esposizione allo stimolo fobico provoca quasi invariabilmente un’immediata risposta ansiosa che può prendere la forma di un attacco di panico.

La persona prova una paura marcata, persistente ed eccessiva quando è in presenza di, o quando si aspetta di affrontare, un oggetto o una situazione specifica.

L’oggetto della paura può riguardare non tanto l’oggetto in se stesso quanto l’evento negativo che l’individuo ritiene possa accadere in seguito al contatto con esso:

✦ Temere di volare in aeroplano per la preoccupazione di cadere
✦ Aver paura dei cani per la preoccupazione di essere morsi
✦ Temere di guidare per la preoccupazione di essere investito da altri veicoli sulla strada

Fobie specifiche possono comprendere anche la preoccupazione, qualora si fosse esposti all’oggetto temuto, di perdere il controllo, di avere un attacco di panico, delle manifestazioni somatiche di ansia e di paura (quali l’aumentata frequenza cardiaca) e di svenire. Ad esempio, una persona che ha la fobia del sangue, potrebbe anche preoccuparsi per la possibilità di svenire, mentre chi ha la fobia delle altezze può temere di avere le vertigini e così via.

Sottotipi fobia specifica

A seconda dell’elemento scatenante, vi sono diversi sottotipi di fobie specifiche. Ne riportiamo alcune delle più frequenti:
✦ Tipo animale (paura di animali o insetti)
✦ Tipo ambiente naturale (la paura viene provocata da elementi dell’ambiente naturale, come temporali, altezze, acqua, fulmini)
✦ Tipo sangue-infezioni-ferite (vista del sangue o di una ferita o fare un’iniezione o altre procedure mediche invasive)
✦ Tipo situazionale (la paura può essere provocata da una situazione specifica, quali i trasporti pubblici, tunnel, ponti, ascensori, volare, guidare, o luoghi chiusi, oppure da una situazione sociale, come parlare in pubblico, partecipare ad una festa)

Cosa fare? – Vedi trattamento dei disturbi d’ansia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *